I NOSTRI SERVIZI / Certificazioni pensionati Inps

 
 

CU 2016

Dal 2015 il modello CUD è stato sostituito dal nuovo modello CU (Certificazione Unica). Come per il CUD anche il nuovo modello non verrà spedito a casa da parte dell'Inps.

Si tratta della certificazione dei redditi erogati dall’ente pensionistico al pensionato nell’anno 2015 ed è indispensabile per presentare la dichiarazione dei redditi. Qualora si abbia motivo di ritenere che ci siano state inesattezze circa l’ammontare delle detrazioni fiscali applicate dal proprio ente pensionistico, la presentazione del modello 730 consente di correggere la situazione.

IL PENSIONATO POTRA’ STAMPARE IL MODELLO CUD DIRETTAMENTE DAL SITO DELL’INPS MEDIANTE ACCESSO CON IL PROPRIO PIN (richiesto in precedenza all’Inps).

IL CAF CISL sarà disponibile alla stampa dei suddetti modelli per tutti i pensionati che ne faranno richiesta.

La stampa del nuovo CU per i CAF diventa più complessa. Per poter garantire la giusta tutela dei dati personali (privacy) si rende necessario acquisire dal pensionato espressa autorizzazione allo scarico del CU attraverso la compilazione di una delega (modello scaricabile a destra dello schermo) e a una copia di un documento di identità (in corso di validità).

Importante compilare in ogni campo la delega, soprattutto la categoria e il numero pensione (reperibile dal certificato di pensione o da un CU di anni precedenti)

     
     

RED 2016

DAL 2015 L'INPS NON INVIA PIU' LA RICHIESTA DI PRESENTAZIONE DEL MODELLO RED, ma visto che il rischio è di avere una pensione "ridotta" o addirittura revocata, ricordiamo a tutti i pensionati che percepiscono prestazioni di sostegno al reddito ad integrazione della pensione (integrazioni al minimo, invalidità, reversibilità ecc), che basta una telefonata al Caf a voi più comodo per poter stare tranquilli.

Il modello RED 2016 serve a comunicare all’ente pensionistico i redditi percepiti nel 2015 dal pensionato e dal coniuge. La comunicazione deve essere effettuata da tutti i pensionati che ricevono pensioni integrate al trattamento minimo, pensioni sociali, assegni di invalidità o altre prestazioni la cui misura è legata alla situazione economica del pensionato e della sua famiglia. Se il pensionato compilerà la dichiarazione dei redditi (mod. 730/2016 e Unico 2016) sarà esonerato dalla presentazione del modello RED, a meno che non debba dichiarare redditi esclusi e/o esenti come ad esempio gli interessi attivi/dividendi di banca e posta, la pensione AVS Svizzera, ecc.

L’obbligo alla compilazione scatta sempre nel caso di presenza di pensioni estere o lavoro prestato all’estero di qualsiasi tipo redditi di impresa in Italia. Per la compilazione del modello RED il pensionato potrà avvalersi dell’assistenza gratuita di un CAF.

Anche i pensionati che non hanno altri redditi oltre a quelli erogati dall’Ente previdenziale, ma che ricevono la richiesta della dichiarazione dei redditi (modello RED), dovranno recarsi al CAF per comunicare l’assenza di altri redditi percepiti nell’anno 2015.

     
     

Modelli ICRIC – ICLAV – ACCAS/PS

Sempre in convenzione con l’INPS è attivo un servizio relativo all’acquisizione e trasmissione dei modelli ICRIC-ICLAV e ACCAS/PS. Il servizio è rivolto a invalidi parziali e totali e percettori di pensione/assegno sociale soggetti a verifica annuale da parte dell’INPS per definire i corretti importi che l’Istituto dovrà erogare.

ICRIC (per invalidi totali e alcuni invalidi parziali)
Caratteristica principale dell’ICRIC è l’indicazione da parte dei soggetti interessati di eventuali ricoveri avuti per gli anni 2015 e 2016, segnalando se sono stati a titolo gratuito o a pagamento.

ICLAV (per invalidi parziali)
Caratteristica principale del modello ICLAV è l’indicazione dell’eventuale reddito/i prodotto/i nei due anni (anno 2015 e presuntivo 2016).

ACCAS/PS (per percettori pensioni/assegno sociale)
Viene richiesto a determinate categorie titolari di assegno sociale/pensione sociale.

Nel nuovo modello oltre alla richiesta di informazioni previste sia dall’ICRIC che dall’ICLAV bisognerà inserire anche eventuale dimora/soggiorno diversa dalla residenza, indicandone lo Stato.

La consegna dei modelli icric-iclav-accas agli sportelli del CAF può essere effettuata:
□ dal dichiarante;
□ dal tutore/curatore se presente;
□ da un delegato alla consegna. Nel caso di delega alla consegna del modello sarà sempre il dichiarante a firmare l’autocertificazione.

 

PER MAGGIORI INFORMAZIONI RIVOLGITI AI NOSTRI UFFICI